• La Talassemia

    La Talassemia è una grave anemia di origine genetica che si può manifestare quando due genitori sono entrambi microcitemici ossia portatori sani del difetto genetico. Per sopravvivere gli ammalati di talassemia devono sottoporsi in media ogni quindici-venti giorni a trasfusioni di sangue.

    Leggi di più

  • A.V.L.T.

    L’Associazione rodigina ha cambiato il suo nome in “Associazione veneta per la lotta alla talassemia” nel 1983, quando, ormai, con le nuove terapie, moltissimi bambini talassemici erano diventati ragazzi e giovani. Infine, il 5 maggio 1996, l’Assemblea dell’Associazione ha approvato un nuovo Statuto e ha chiesto l’iscrizione al registro regionale veneto delle associazioni di volontariato.

    Leggi di più

In vino…salus?

Diciamolo subito: non serve che le persone affette da beta-talassemia e da anemia falciforme sospendano le trasfusioni di sangue e le altre terapie e si mettano a bere ettolitri di vino rosso. Però…

Però, il vino rosso potrebbe riservarci qualche sorpresa.

Il 12 febbraio 2007, Michele Lipucci di Paola segnala al ThalLab di Ferrara una serie di nuovi prodotti da ordinare e saggiare in vitro, come potenziali induttori di HbF. Tra di essi il resveratrolo .

Il resveratrolo è una molecola contenuta nella buccia degli acini dell'uva rossa ed è già stato studiato per i potenziali effetti cardioprotettivi o perché potrebbe rallentare l'invecchiamento. E c'è chi l'ha già messo in commercio in compresse.

Il ThalLab lo saggia e trova che induce moltissimo l'emoglobina fetale.

Michele Lipucci, senza esitazioni, prende contatti con il Consorzio Vino Chianti Classico di San Casciano in Val di Pesa, Firenze. Il 19 giugno si svolge, presso la sede del Consorzio, un primo incontro tra il Dr. Liberatore, Direttore del Consorzio, il Prof. Roberto Gambari , Direttore del ThalLab, e Lipucci, a nome dell' AVLT . Viene concordato di stendere un progetto di ricerca. Il 2 agosto, secondo incontro. Questa volta sono presenti anche ricercatori sia del Consorzio che del ThalLab. Il progetto viene sottoscritto e prevede una ricerca della durata di due anni.

Sui terreni del Consorzio la vendemmia è in corso. Due ricercatrici del ThalLab si trovano a San Casciano dove, con i tecnici del laboratorio del Consorzio stesso, stanno selezionando i campioni da portare a Ferrara per i successivi sviluppi della ricerca.

(“EX”, settembre 2007)

Contribuisci con il 5x1000!

Il codice fiscale di A.V.L.T. è 80009850290

Puoi versare il tuo contributo volontario sul c/c postale 11235454 tramite bollettino postale o tramite bonifico bancario utilizzando il codice IBAN IT44Z0760112200000011235454.

Il contributo volontario può essere dedotto nella dichiarazione dei redditi, ai sensi dell'art. 14 della legge 14 maggio 2005 n. 80.

Newsletter

Newsletter